Medicina estetica

lips-2122146_640

Medicina Estetica

Botox

BotoxTrattamento con Tossina Botulinica ad uso estetico. Le zone trattabili sono:

  • regione perioculare
  • regione gabellare,
  • fronte bassa
  • fronte alta
  • fronte laterale, per sollevare il sopracciglio.

Abitualmente la paziente che chiede il trattamento per la fronte deve trattare 3 aree. Il trattamento si svolge in pochi minuti senza segni particolarmente visibili. L’effetto è ottenuto in un lasso di tempo variabile dai tre ai dieci giorni.
È buona norma fissare un appuntamento di controllo dopo circa due settimane per verificare l’effetto ottenuto.
La durata dell’effetto, per quanto leggermente variabile da paziente a paziente, se la procedura è stata fatta nel modo corretto e con le giuste diluizioni è di 6 mesi (comunque dai 4 ai 7 mesi). Durante l’estate potrebbe durare un po’ meno. Negli anni si può verificare una leggera riduzione della durata ma comunque mai meno di 4 mesi.

Nefertiti Lift (Fronte, collo, viso)

Il Nefertiti Lift è un trattamento non chirurgico usato per ridefinire mascella e collo, ridonando un aspetto giovane e tonico. La procedura prevede una serie di iniezioni di tossina botulinica, che permetterà di tendere i muscoli della porzione superiore del viso e di sollevare la metà inferiore del viso, definendo la mandibola. L’effetto che si otterrà sarà una spinta verso l’alto, affinando l’ovale del volto. Questo trattamento è indicato per le persone che hanno un cedimento della zona bassa delle guance, vicino al bordo mandibolare e del collo, ma anche per chiunque voglia ulteriormente migliorare l’ovale del volto e ottenere una linea mandibolare netta, più definita che faccia risaltare la porzione alta del volto mantenendo il cosiddetto “triangolo della bellezza”. E’ indicato inoltre per tutte le persone che presentano una iper-tonicità dei muscoli masticatori – platisma e massetere – che si evidenzia in un profilo mandibolare “squadrato”. Terrei a precisare, perché questo è il mio modus operandi, che il medico estetico non è un creatore di bellezza. Il nostro compito è correggere un difetto, attenuare le rughe, valorizzare, ma senza dimenticare mai le caratteristiche personali di ogni donna che per me è unica.

 

Filler di acido ialuronico viso e labbra

Per quanto riguarda il filler alle labbra per aumenti volumetrici, mai eccessivi, verrà eseguita anestesia locoregionale tronculare dell’intera arcata dentale superiore azzerando la sensazione dolorosa. Inutile l’utilizzo di pomate anestetiche . Per le labbra, utilizzo esclusivamente un Filler pensato per tale zona. Non tratto con il Filler le rughe al di sotto della bocca verso il mento e il cosiddetto codice a barre (le fastidiose rughette che si formano tra il naso e il labbro superiore), in quanto i risultati ottenibili in questi punti, sono insoddisfacenti e di brevissima durata. In ogni caso sono soggetti a frequenti ematomi e si potrebbe verificare un cambiamento della fisionomia del volto.
Il terzo inferiore del viso è esclusivamente chirurgico.

Peeling

Le pazienti chiedono spesso di essere sottoposte a trattamenti con lo scoop di ridare luminosità al viso, i Peeling interpretati in una chiave moderna servono esattamente a questo
Lo scopo, di tutti i peeling è quello di causare l’esfoliazione dello strato superficiale dell’epidermide con l’effetto di conferire alla cute un aspetto più liscio e di conseguenza più luminoso.

Ne esistono di tanti tipi e d’intensità diverse che vanno calibrati di volta in volta sul paziente; in base alle caratteristiche della cute e della problematica che si vuole affrontare. Tenendo conto del periodo dell’anno e sulla base delle possibili esigenze del paziente da un punto di vista di vita di relazione.

Il Peeling va considerato un trattamento base che sostituisce in tutto e per tutto tecniche di medicina estetica quali la Biorivitalizzazione o il  Filler di acido ialuronico (usato anche per le fastidiose rughette che vengono a formarsi sopra il labbro superiore e l’attaccatura del naso dette anche codice a barra)  che danno spesso risultati inefficaci, e addirittura possono causare fastidiose complicanze.

Per avere dei risultati ottimali vanno ripetuti più volte l’anno: per questo motivo il dottore li propone a prezzi ragionevoli decisamente più bassi rispetto a quelli a cui mediamente vengono offerti in altri studi medici.

Indipendentemente che siano Peeling invernali sicuramente  più invasivi, che di Peeling estivi che sono compatibili con la fotoesposizione, si tratta di un trattamento che il Dottore consiglia fortemente per l’elevata efficacia dei risultati e del rapporto qualità/prezzo. Il trattamento è adatto a chiunque, sia giovanissimi che anziani.

Concludo con una veloce carrellata delle problematiche che sono affrontabili con queste metodiche in maniera sempre soddisfacente:

  • Aspetto spento della cute del viso,
  • macchie cutanee,
  • cicatrici da acne, eccesso di seborrea della cute , acne in fase attiva ,
  • rugosità superficiale diffusa ,
  • codice a barra,
  • melasma e cloasma.

Il Peeling si utilizza sul viso,  sul collo o sulle mani.

Una soluzione chimica viene applicata sulla pelle che la fa esfoliare.. La nuova pelle rigenerata è solitamente più liscia e meno rugosa.
La  pelle rigenerata è temporaneamente più sensibile al sole.

Mostra di più…

Tipi di peeling a seconda della profondità:

  • Peeling molto superficiale: Rimuove lo strato della pelle più esterno, causa solo un lieve fastidio. Si utilizza per per donare luminosità e uniformare l’incarnato. A causa della sua azione leggera, non è indicato per cancellare inestetismi cutanei.
  • Peeling superficiale: Causa una necrosi cellulare fino allo strato basale dell’epidermide, innescando uno stimolo riparatore di rinnovamento. Si usa per trattare acne, cicatrici, iperpigmentazione e rughe. Le sostanze chimiche più utilizzate sono acido salicilico, acido glicolico e acido tricloroacetico. In questo caso si ha un fastidio più intenso e si verifica la comparsa di un eritema diffuso.
  • Peeling di media profondità: Agisce più profondamente, e viene utilizzato per acne grave e cicatrici da acne e da varicella, melasma e rughe.
  • Peeling profondo: Il danno può comprendere ampie regioni cutanee, anche molto interne e il recupero può essere lungo e fastidioso. E’ consigliato solo in caso di rughe diffuse e più accentuate ed esiti cicatriziali gravi. Si utilizzano soluzioni più concentrate di acido tricloroacetico oppure fenolo. I suoi effetti non sono paragonati a quelli ottenibili con un lifting chirurgico ma le due tecniche possono essere complementari

Mostra meno

Biorivitalizzazione

È un trattamento che non ha alcuna finalità estetica ma solo preventiva che deve la sua fortuna al nome “olistico” e ad una presunta non invasività. Per trattare la rugosità superficiale e ridare luminosità, risultano molto più efficace i Peeling di ultima generazione che permettono una ripresa immediata della vita sociale senza i noti inconvenienti di quelli iperaggressivi di vecchia concezione.
Qualora la paziente effettivamente necessitasse di un trattamento antiaging del viso, con necessità di compattare i tessuti, è inutile perdere tempo e soldi con tecniche di biorivitalizzazione classiche (acido Ialuronico, vitamine, ecc.) che lasciano il tempo che trovano.
Dovremo quindi orientarci verso una medicina rigenerativa di ultima generazione con utilizzo di cellule staminali e la vampyre therapy (evoluzione del prp che in ambito estetico è totalmente inefficace) che danno risultati eccellenti e stabili nel tempo.
I costi di queste tecniche sono commisurati ai risultati che si ottengono.

Vai a medicina rigenerativa

Dr. Giovanni Pellegrinelli  –  O.M.: GE 13464  –  P.IVA: 01402940991

Informazioni legaliPrivacy Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi la Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi